Eventi & News

GLI EVENTI DEL SISTEMA MUSEALE TERNANO
15 Marzo 2017

  • IL MIO MONDO...LABIRINTO DELL’ANIMA Opere di Doriano GalliVISITE GUIDATE GRATIS OGNI SABATO ORE 17.00Visitabile da martedì a domenica fino al 26 marzo 2017 10-13/16-19*Caos c/o Museo Archeologico di Terni Doriano Galli è da considerare come una delle presenze più significative, nell'ambito della pittura a Terni, degli ultimi trenta anni. Allievo dell'Istituto d'Arte, ha operato avvalendosi di un linguaggio, nel quale capacità figurativa, forza del colore ed uso di ardite prospettive hanno qualificato la sua opera nel segno di grande valenza culturale e di qualità ed originalità assolute ... e tutto è avvolto in un'atmosfera di autentica poesia. La mostra, a cura di Paolo Cicchini (curatore delle visite guidate) e Maurella Eleonori, sarà visitabile dal martedì alla domenica: 10.00 - 13.00 e 16.00 - 19.00 *domenica 26 marzo il pomeriggo dalle 17.00 alle 20.00 INFO 3403458209 - 3404188488Mail: museoarcheologicoterni@gmail.comWeb: www.caos.museumCAOS - Museo Archeologico TerniVia campofregoso, 98 - Terni ASPETTANDO LA PASQUA...PALEOUOVA PER TUTTI! Attività ludica per bambine e bambini 4-10 anniPaleolab (ex chiesa S. Tommaso), l.go Liberotti 24 Terni Costo € 3 a bambino/a. Info 3404188488.#aTerniNonSuccedeMaiNulla Vieni anche quest'anno a creare il tuo Pasquasauro insieme a noi: attività ludica per bambine e bambini 4-10 anni.A seguire piccola merendaCosto: € 3.00 a partecipante Info: 0744334133 - 3404188488Mail: paleolabterni@gmail.com #aTerniNonSuccedeMaiNullaby Coopsociali ACTL e ALIS, Indisciplinarte e Civita Cultura www.caos.museum Roma Stratificata/Frammentata/Inclusiva: Opere di Elia Cosimi Caos c/o Museo Archeologico di Terni dal 1 aprile al 7 maggio 2017 ingresso liberoElia Cosimi è nata ad Assisi e risiede e lavora a Roma.Da molti anni ha posto al centro delle sue attività la pittura frequentando corsi e scuole d'arte e, dopo diverse sperimentazioni sia tecniche sia formali, ha scelto l’acquerello come il medium espressivo preferito. Ha esposto in mostre personali in Musei Nazionali in Italia, Svezia, Spagna oltre che in numerose esposizioni collettive.La Cosimi, attraverso gli acquerelli di questa mostra, ci introduce a riflettere sulle tracce che ogni epoca ha lasciato su molti edifici storici romani. Nei secoli si è costruito sul costruito, sono stati inseriti elementi estranei e contraddittori in manufatti di epoche precedenti, sono state aperte nuove Porte nelle mura Aureliane.L’autrice vede nella complessità di queste sovrapposizioni e in queste discontinuità la bellezza del panorama di Roma e la disponibilità della città a trasformarsi continuamente.Giorni e orari di visita della mostra: dal martedì alla domenica _ 10.00 - 13.00 / 17.00 - 20.00 INFO: 340 3458209 - 340 4188488 Mail: museoarcheologicoterni@gmail.com Web: www.caos.museum CAOS - Museo Archeologico Terni Via Campofregoso, 98 - Terni SONO NATA A PRIMAVERA domenica 2 aprile 2017 passeggiata storico-naturalistica Carsulae - Portarialungo il sentiero "Noemi Spoldi"a cura della Fondazione Noemi Spoldiin collaborazione con la Pro Loco di Portaria Programma:ore 10.45 _ ritrovo presso il parcheggio di Carsulaeore 11.15 _ partenza della passeggiataore 12.30 _ arrivo a Portaria e pranzo in piazza offerto dalla Pro Loco ore 14.30 _ visita al centro storico in collaborazione con Servizio Civile Nazionaleevento gratuitoconsigliati abbigliamento e scarpe comode Info:0744 334133info@carsulae.it #aTerniNonSuccedeMaiNullaby Coopsociali ACTL e ALIS, Indisciplinarte e Civita Cultura Ufficio Comunicazione Coopsociali ACTL e ALIS
    Leggi Tutto

Sabato 11 marzo - transito della gara ciclistica Tirreno Adriatico
08 Marzo 2017

  • Sabato 11 marzo transiterà da Narni, a Terni per poi continuare alla volta di Rieti, la gara ciclistica Tirreno - Adriatico.La tappa prevede il transito per loc. Marmore (Belvedere SUPERIORE): tra le ore 13.00 e le 14.30 potrebbero quindi verificarsi delle limitazioni del traffico e la chiusura momentanea della strada.La strada che porta al Belvedere INFERIORE della Cascata delle Marmore (SS Valnerina) NON sarà interessata dalla gara ciclistica e quindi non avrà limitazioni di traffico.
    Leggi Tutto

Tariffa Promozionale
01 Marzo 2017

  • Un regalo speciale per voi: TARIFFA PROMOZIONALE CON VISITA INCLUSA TUTTI I GIORNI, dalle ore 11.30 verrà promossa la Tariffa Promozionale a 10,00 euro per gli adulti e 7,50 per bambini (5-10 anni) che comprende l’ingresso al parco della Cascata e una visita guidata dal Belvedere INFERIORE- visita guidata smart '100 passi' (durata ½ ora) - ore 12.00 - 15.00 - 15.30.- visita guidata naturalistica 'I segreti del parco' (CEA e sentieri n.2 e 3 - durata 1h) - ore 14.30 dal Belvedere SUPERIORE- visita guidata smart '100 passi' (durata ½ ora) - ore 14.30 La tariffa promozionale verrà promossa fino ad esaurimento dei posti disponibili (50 pax per ogni fascia oraria).Chiedi informazioni in biglietteria e acquistala immediatamente, i posti sono limitati! Attenzione: le visite incluse nella tariffa promozionale non potranno essere prenotate, ma soltanto acquistata al momento presso le biglietterie, fino ad esaurimento dei posti disponibili. NB: la visita guidata naturalistica 'I segreti del parco' (CEA e sentieri n.2 e 3 - durata 1h) delle ore 11.30 non rientra nella Tariffa Promozionale - costo € 2,50 oltre il biglietto di ingresso.
    Leggi Tutto

Maratona di San Valentino
15 Febbraio 2017

  • MARATONA DI SAN VALENTINO Domenica 19 febbraio, in occasione del transito degli atleti della Maratona di San Valentino, il Parco della Cascata delle Marmore avrà delle limitazioni di visita: nella mattinata, dalle ore 10 alle 13.30, saranno accessibili esclusivamente il Belvedere SUPERIORE ed il Sentiero 1 fino al Balcone degli Innamorati. Il Belvedere Inferiore rimarrà chiuso per il transito degli atleti; verrà riaperto al termine della manifestazione. Il RILASCIO dell'ACQUA della Cascata verrà anticipato alle ore 10.00 (l'orario di rilascio dell'acqua nella giornata sarà: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00). VISITE GUIDATE disponibili DA BELVEDERE SUPERIOREore 12.00 e 14.30 - VISITA IN PROMOZIONE* "I 100 passi" DA BELVEDERE INFERIOREore 15.00 e 15.30 - VISITA IN PROMOZIONE* "I 100 passi" *TARIFFA PROMOZIONALE CON VISITA INCLUSA€ 10,00 euro per gli adulti e € 7,50 per bambini (5/10 anni) che comprende l’ingresso al parco della Cascata e una visita guidata Segnaliamo inoltre che dalle ore 9.30 verrà chiusa la SS Valnerina interessato dal tragitto di gara (Terni - Ferentillo) fino al termine della manifestazione.
    Leggi Tutto

La Cascata ghiacciata: mostra fotografica
11 Febbraio 2017

  • La Cascata ghiacciata: i nostri e i vostri scattiMOSTRA FOTOGRAFICA Cascata delle Marmore - Serra del CEA 11-12-14-18-19 febbraio, dalle ore 11.00 alle ore 16.00Inviateci foto entro 1 febbraio: info@marmorefalls.it Lo spettacolo che il ghiaccio ha creato in tutte le sue forme nell’Area Escursionistica della Cascata delle Marmore non poteva assolutamente sciogliersi. 165m Marmore Falls, gestore dei servizi turistici della Cascata delle Marmore, ha pensato bene di mettere a disposizione di tutti un piccolo grande tesoro: una mostra fotografica dal titolo La Cascata ghiacciata – i nostri e i vostri scatti, che sarà visitabile presso la serra del Centro di Educazione Ambientale nell’Area Escursionistica, nei giorni 11-12-14-18-19 febbraio 2017, dalle 11.00 alle 16.00. Sarà possibile per chiunque inviare una foto della cascata, di scorci dei sentieri o del Tunnel e del Balcone degli innamorati, trasformati dal ghiaccio, ad info@marmorefalls.it o alla nostra Pagina Facebook 165m Marmore Falls – Gestione Servizi Turistici Cascata delle Marmore (http://bit.ly/2iK45Xt), specificando nome e cognome dell’autore, entro mercoledì 1 febbraio 2017. Selezioneremo alcuni dei nostri e dei vostri migliori scatti, per dar vita alla mostra fotografica temporanea, nella serra del Centro di Educazione Ambientale, immersa nella meravigliosa natura dell’Area Escursionistica della Cascata delle Marmore. La mostra fotografica è ad ingresso libero, previa acquisizione del ticket di ingresso al Parco della Cascata delle Marmore.
    Leggi Tutto

Vivi l'avventura con il Cinema 6D
08 Febbraio 2017

  • VIVI L’AVVENTURA | SCOPRI IL CINEMA 6D E’ finalmente disponibile presso la Biglietteria/Infopoint della Cascata delle Marmore del Belvedere Inferiore (Piazzale Felice Fatati, 6 Collestatte Piano - Terni) il Cinema 6D. Un percorso multimediale e immersivo per conoscere le peculiarità di questo spettacolare contesto.Per i gruppi scolastici abbiamo pensato ad un pacchetto che integri l’esperienza multimediale con quella reale. PACCHETTO AVVENTURA | Durata 2 ore e mezzaCinema 6D visione dei video “Discesa virtuale delle rapide della Cascata delle Marmore” e “Il viaggio della goccia d’acqua” Biglietto di ingresso al Parco della Cascata Visita guidata “Tra acqua e natura” Costo: € 12,00 a partecipante | Solo su prenotazione PROMOZIONE Per chi prenota con almeno 30 GIORNI di anticipo: € 10,00 a partecipante Per prenotazioni Call Center* • tel. 199.151.123** • fax +39 0744.438852 • e-mail gruppi@marmorefalls.it dal lunedì al venerdì 9,00/15,00 esclusi i festivi *Il servizio di Call Center è fornito da Sistema Museo, azienda dell'ATI 165Marmorefalls **Costo della chiamata da telefono fisso di Telecom Italia, 10 centesimi al minuto IVA inclusa senza scatto alla risposta, tutti i giorni, 24/24 h. Per chiamate originate da altro operatore i prezzi sono indicati dal servizio clienti dell’operatore utilizzato.
    Leggi Tutto

SPECIALE SCUOLE: VISITA GUIDATA + CESTINO PIC NIC
03 Febbraio 2017

  • Quest'anno alla Cascata c'è una novità: lo GnefroBar! Il punto ristoro è posto nel cuore del Parco della Cascata, in prossimità dell'area pic nic del Belvedere Inferiore, del Villaggio dei Piccoli e del Centro di Educazione Ambientale. Qui potrai gustare i prodotti del territorio, dal tipico pane "sciapo" di Terni rigorosamente cotto a legna, ai salumi e formaggi della Valnerina. PROMOZIONE RISERVATA ALLE SCUOLE Visita guidata ("Tra acqua e natura" oppure "I segreti del parco. Visita guidata naturalistica") + Cestino: € 7,00 (oltre il biglietto di ingresso*) Fantapasseggiata + Cestino: € 9,00 (oltre il biglietto di ingresso*) Il cestino è così composto: panino con affettato/formaggio, bibita, frutta e dolcetto.Il cestino va ritirato presso lo GnefroBar. *biglietto di ingresso per i gruppi scolastici: € 6,00; offerta Scuole: per gruppi scolastici che prenotano con almeno 30 giorni di anticipo un servizio di visita guidata o attività didattica è previsto uno sconto del 20% sul biglietto di ingresso (€ 4,80 a pax). PROMOZIONE VALIDA SOLO SU PRENOTAZIONEper prenotazioni: gruppi@marmorefalls.it; call center 199 151 123
    Leggi Tutto

LEONARDO DA VINCI ALLA CASCATA DELLE MARMORE NEL 1473
19 Dicembre 2016

  • (IL VIDEO SU LEONARDO DA VINCI ALLA CASCATA DELLE MARMORE:https://youtu.be/jcpVCx4BUZk) Il 5 Agosto 1473, Leonardo Da Vinci, nel corso di una lunga permanenza in Umbria meridionale, visita ed immortala la Cascata delle Marmore, in un meraviglioso disegno, che cattura anche il paesaggio relativo alla conca ternana. (da UmbriaOn.it) Tremano le mani solo a scriverlo. E, prima di cominciare a farlo, è stato necessario fare un bel respiro profondo. Uno dei disegni più famosi nella storia dell’arte, il ‘Paesaggio con fiume’ di Leonardo da Vinci – il primo, datato di suo pugno, il 5 agosto 1473 – e conservato nel gabinetto dei disegni e delle stampe delle Gallerie degli Uffizi di Firenze, ha celato per oltre mezzo secolo un segreto di straordinaria importanza. L’Umbria e non la Toscana Leonardo, infatti, in quello che è sempre stato considerato – e lo sarà forse oggi ancora di più – uno dei mirabili esempi della sua straordinaria ed inimitabile arte, non ha tratteggiato ‘a penna su carta’, come si è sempre creduto, le terre del Valdarno, ma quelle dell’Umbria e, in particolare, con una doppia raffigurazione, la Cascata delle Marmore e il vicino paese di Papigno. La Cascata Lo studio sul ‘Pasesaggio con fiume’ – 190 per 285 millimetri le dimensioni – è in corso da mesi ed è stato portato avanti nel più stretto riserbo da Luca Tomìo. Perché adesso che l’ipotesi è confermata si dovrà riscrivere la storia, ma forse non solo quella del quadro o quella dell’arte. Ma proprio la storia, quella con la ‘esse’ maiuscola. Perché l’opera, che si ritiene provenga dal Fondo Mediceo Lorenese, è il primo documento incontestato della attività dell’artista, visto che porta la sua firma, scritta con la grafia mancina speculare di Leonardo e riporta “Dì de Sta Maria della Neve / Adì 5 daghosto 1473”. Ma quelle che erano certezze fino ad oggi, si fermano qui. Autorevoli storici dovranno, probabilmente, avviare nuove e approfondite campagne di studi, visto che molte delle ricostruzioni fatte in passato indicano possibili passaggi di Leonardo da Vinci in Umbria tra il maggio del 1502 e il marzo del 1503, per quelle sono state indicate come rilevazioni topografiche allo scopo di studiare opere di fortificazione e idrauliche. Solo che, adesso lo sappiamo con certezza, Leonardo Da Vinci fu in Umbria, a Terni e nel suo territorio, almeno 30 anni prima. Per ritrarre la Cascata delle Marmore e Papigno. «Il quadro – ha ricordato Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi – talmente celebrato da essere comunemente ricordato con il suo numero di inventario (8P recto), può considerarsi tra i primi paesaggi autonomi nel disegno occidentale, e costituisce la più precoce testimonianza grafica dell’artista. Con la data vergata in alto a sinistra, il prezioso foglio dichiara la sua appartenenza a una nuova stagione di Leonardo, da poco iscritto alla Compagnia dei pittori di Firenze, la Compagnia di San Luca: siamo agli inizi di una maturazione professionale che avrebbe coinciso più o meno con l’avvento di una nuova Età dell’Oro per la fioritura delle arti a Firenze», che però potrebbe aver avuto origine in un angolo molto particolare dell’Umbria e non della Toscana. Secondo l’interpretazione corrente – almeno fino ad oggi – la scena “mostra un paesaggio fluviale, probabilmente il Valdarno Inferiore di dove Leonardo era originario. Tra due promontori scoscesi, punteggiati da castelli e da altri segni della presenza umana, si apre la veduta di un fiume, con alberi, cespugli e in lontananza campi coltivati. Il disegno poteva essere uno schizzo preparatorio per un paesaggio in un’opera più complessa, o un esercizio del giovane artista a quel tempo allievo di Andrea del Verrocchio; è anche possibile però che fosse eseguito solo per piacere personale, stando anche alla passione di Leonardo citata dal Vasari verso ‘il disegnare et il fare di rilievo, come cose che gl’andavano a fantasia più d’alcun’altra’. L’autografia leonardesca appare anche confermata dallo stile dell’opera, somigliante ad altri suoi paesaggi, e alla notevole capacità di rendere l’effetto del connettivo atmosferico, che lega il vicino e il lontano come se potesse circolarvi realmente l’aria. L’artista usò un tratto leggero per evocare il vento tra gli alberi e uno più spesso per le rocce e le cadute d’acqua, mentre per il castello a strapiombo usò contorni netti”. Sì, la Storia dovrà essere riscritta. Perché proprio il castello, ritratto nella parte sinistra del ‘Paesaggio con fiume’, sarebbe un’altro scorcio di quella Umbria nella quale Leonardo da Vinci ebbe occasione di vivere e, in particolare, ad essere raffigurato sarebbe Papigno, che secondo gli esperti sarebbe stato tratteggiato in maniera perfettamente identica all’originale del tempo. Scoperta clamorosa Ma è chiaro che la vera scoperta clamorosa è quella relativa alla raffigurazione della Cascata delle Marmore da parte del grande artista toscano. La notizia pare destinata ad oscurare quella, annunciata da qualche tempo, sulla futura esposizione del ‘Paesaggio con fiume’ – in programma nell’estate 2019, in occasione del 500simo anniversario della morte di Leonardo – nella sua Vinci per cinque settimane. Il Comune L’assessore Emilio Giacchetti, che da mesi sta seguendo la vicenda per conto del Comune di Terni, non riesce a nascondere l’emozione: «Confesso che quando il professor Tomìo ci ha comunicato che gli studi fatti hanno confermato che in quel disegno di Leonardo era raffigurata proprio la nostra Cascata ho fatto fatica a realizzare. Poi, soprattutto grazie alle sue spiegazioni, abbiamo messo a fuoco quale possa essere, oltre alla straordinarietà della scoperta sotto il profilo artistico e storico in assoluto, l’eccezionale ritorno che questa scoperta potrebbe rappresentare per la città di Terni e per uno dei suoi simboli più conosciuti al mondo. La Cascata delle Marmore in un’opera di Leonardo da Vinci, io credo, è la rivelazione del secolo e noi siamo orgogliosi e felici che ciò possa venire alla luce». www.marmorefalls.it
    Leggi Tutto

NUOVA LINFA AL TURISMO INTEGRATO IN UMBRIA
16 Dicembre 2016

  • (da UmbriaOn.it) CLICCA QUI PER IL VIDEO DEL TGR UMBRIA: https://youtu.be/yJyDzvHEbooUna nuova iniezione di fiducia per la promozione del territorio ternano e dell’Umbria, dopo la ‘rivelazione’ legata al ‘Paesaggio con fiume’, il disegno di Leonardo Da Vinci che riproduce la Cascata delle Marmore e la rocca di Papigno. Il passo avanti questa volta è stato compiuto su un piano più ‘tecnologico’ attraverso la realizzazione della prima fase del progetto ‘Umbria Experience’ da parte del DIT con il sostegno della Fondazione Carit, della Regione Umbria e dei Comuni del territorio, Terni in testa. Attraverso ‘Umbria Experience’ si è deciso di puntare forte sul video marketing territoriale, con la realizzazione di un audiviosivo in italiano e in inglese – due le versioni, di 4 e 8 minuti – che raffigura, con inquadrature suggestive, i principali poli turistici e le eccellenze del territorio, cercando di toccare le corde giuste, colpendo sia l’occhio di chi guarda ma anche gli aspetti più emozionali ed evocativi.Dal video sono stati tratti anche due spot di 10 e 15 secondi che verranno promossi sui canali Sky con ben 440 ‘passaggi’, il 40% dei quali in prime time. Un lavoro – in campo Euromedia – che potrà essere utilizzato anche dalle istituzioni e da tutti coloro, privati in testa, che intendono contribuire alla promozione del territorio e, perché no, delle proprie attività ricettivo turistiche. Realtà virtuale Il secondo video, dedicato alla Cascata delle Marmore, permette di provare la realtà virtuale in maniera semplice ed efficace. Attraverso il sistema ‘cardboard’ è infatti possibile osservare la Cascata in tutte le sue mille sfaccettature, per un’esperienza nuova e in grado di coinvolgere pienamente l’utente-turista. Riguardo al Booking On Line, partendo dall’obiettivo di incrementare la permanenza media dei turisti sul territorio, ‘fidelizzandoli’ e incentivandoli a tornare più volte, il DIT ha elaborato una nuova piattaforma on-line per la prenotazione delle strutture e non solo. Il valore aggiunto dell’iniziativa sta infatti nella possibilità, insieme ai pernottamenti, di creare – in totale autonomia – pacchetti ‘ad hoc’ che includono anche attività turistiche, biglietti, escursioni, attività sportive, noleggio di mezzi ecologici per spostarsi, servizi legati al wellness e molto altro ancora. Il tutto attraverso pochi clic, con il sito che andrà online nei giorni precedenti il Natale. Sempre in questa direzione, si è lavorato gomito a gomito con il Coni di Terni e le associazioni sportive per includere nel ‘circuito’ anche i principali eventi sportivi – non pochi – che si svolgono nel ternano. Il tutto attraverso pacchetti a prezzi convenzionati che è possibile raggiungere sempre con la piattaforma web www.umbriaexperience.itUna possibilità che riguarda anche coloro che organizzano e gestiscono eventi, manifestazioni e congressi nel territorio, attraverso un’offerta integrata con tutti i servizi che possono essere utili sia per l’organizzazione che per i partecipanti. Ad ogni evento verrà assegnato un codice che permetterà al partecipante di accedere ad un’area riservata in cui verranno visualizzati i vari servizi a prezzi convenzionati. La presentazione Alla presentazione, che si è tenuta venerdì mattina presso la sede della Fondazione Carit, sono intervenuti il presidente del DIT Stefano Notari, l’amministratore delegato Roberto Bartolini, il presidente della Fondazione Carit Luigi Carlini, l’assessore comunale Emilio Giacchetti e il delegato Coni per Terni, Stefano Lupi.Presenti, in platea, imprenditori del turismo, rappresentanti delle istituzioni e coloro che hanno lavorato ai progetti realizzati. Il progetto ‘Umbria Experience’ verrà completato nei prossimi mesi con la realizzazione della seconda fase che prevede l’installazione di totem multimediali nei principali punti di arrivo e di permanenza dei turisti sul territorio.
    Leggi Tutto

Visita Guidata SUI PASSI DI LEONARDO DA VINCI
15 Dicembre 2016

  • IL VIDEO SU LEONARDO DA VINCI ALLA CASCATA DELLE MARMORE: https://youtu.be/jcpVCx4BUZk A partire dal 17 dicembre 2016, il sabato, la domenica e nei festivi alle ore 14.30 dal Belvedere Superiore sarà possibile scoprire i sentieri ed i luoghi percorsi da Leonardo da Vinci nell'agosto del 1473, ed ammirare i paesaggi rappresentati nel disegno conservato agli Uffizi di Firenze. La tesi sull'identificazione dei nostri luoghi nel disegno di Leonardo è stata presentata dal dott. Luca Tomio lo scorso 12 dicembre. La visita "Sui passi di Leonardo Da Vinci" rientra nella Tariffa Promozionale (a 10,00 euro per gli adulti e 7,50 per bambini 6-14 anni e over 70 comprendente l’ingresso al parco della Cascata e una visita guidata), ed è acquistabile presso le biglietterie al momento dell'acquisto dei ticket. Il 5 Agosto 1473, Leonardo Da Vinci, nel corso di una lunga permanenza in Umbria meridionale, visita ed immortala la Cascata delle Marmore, in un meraviglioso disegno, che cattura anche il paesaggio relativo alla conca ternana. (da UmbriaOn.it) Tremano le mani solo a scriverlo. E, prima di cominciare a farlo, è stato necessario fare un bel respiro profondo. Uno dei disegni più famosi nella storia dell’arte, il ‘Paesaggio con fiume’ di Leonardo da Vinci – il primo, datato di suo pugno, il 5 agosto 1473 – e conservato nel gabinetto dei disegni e delle stampe delle Gallerie degli Uffizi di Firenze, ha celato per oltre mezzo secolo un segreto di straordinaria importanza. L’Umbria e non la Toscana Leonardo, infatti, in quello che è sempre stato considerato – e lo sarà forse oggi ancora di più – uno dei mirabili esempi della sua straordinaria ed inimitabile arte, non ha tratteggiato ‘a penna su carta’, come si è sempre creduto, le terre del Valdarno, ma quelle dell’Umbria e, in particolare, con una doppia raffigurazione, la Cascata delle Marmore e il vicino paese di Papigno. La Cascata Lo studio sul ‘Pasesaggio con fiume’ – 190 per 285 millimetri le dimensioni – è in corso da mesi ed è stato portato avanti nel più stretto riserbo da Luca Tomìo. Perché adesso che l’ipotesi è confermata si dovrà riscrivere la storia, ma forse non solo quella del quadro o quella dell’arte. Ma proprio la storia, quella con la ‘esse’ maiuscola. Perché l’opera, che si ritiene provenga dal Fondo Mediceo Lorenese, è il primo documento incontestato della attività dell’artista, visto che porta la sua firma, scritta con la grafia mancina speculare di Leonardo e riporta “Dì de Sta Maria della Neve / Adì 5 daghosto 1473”. Ma quelle che erano certezze fino ad oggi, si fermano qui. Autorevoli storici dovranno, probabilmente, avviare nuove e approfondite campagne di studi, visto che molte delle ricostruzioni fatte in passato indicano possibili passaggi di Leonardo da Vinci in Umbria tra il maggio del 1502 e il marzo del 1503, per quelle sono state indicate come rilevazioni topografiche allo scopo di studiare opere di fortificazione e idrauliche. Solo che, adesso lo sappiamo con certezza, Leonardo Da Vinci fu in Umbria, a Terni e nel suo territorio, almeno 30 anni prima. Per ritrarre la Cascata delle Marmore e Papigno. «Il quadro – ha ricordato Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi – talmente celebrato da essere comunemente ricordato con il suo numero di inventario (8P recto), può considerarsi tra i primi paesaggi autonomi nel disegno occidentale, e costituisce la più precoce testimonianza grafica dell’artista. Con la data vergata in alto a sinistra, il prezioso foglio dichiara la sua appartenenza a una nuova stagione di Leonardo, da poco iscritto alla Compagnia dei pittori di Firenze, la Compagnia di San Luca: siamo agli inizi di una maturazione professionale che avrebbe coinciso più o meno con l’avvento di una nuova Età dell’Oro per la fioritura delle arti a Firenze», che però potrebbe aver avuto origine in un angolo molto particolare dell’Umbria e non della Toscana. Secondo l’interpretazione corrente – almeno fino ad oggi – la scena “mostra un paesaggio fluviale, probabilmente il Valdarno Inferiore di dove Leonardo era originario. Tra due promontori scoscesi, punteggiati da castelli e da altri segni della presenza umana, si apre la veduta di un fiume, con alberi, cespugli e in lontananza campi coltivati. Il disegno poteva essere uno schizzo preparatorio per un paesaggio in un’opera più complessa, o un esercizio del giovane artista a quel tempo allievo di Andrea del Verrocchio; è anche possibile però che fosse eseguito solo per piacere personale, stando anche alla passione di Leonardo citata dal Vasari verso ‘il disegnare et il fare di rilievo, come cose che gl’andavano a fantasia più d’alcun’altra’. L’autografia leonardesca appare anche confermata dallo stile dell’opera, somigliante ad altri suoi paesaggi, e alla notevole capacità di rendere l’effetto del connettivo atmosferico, che lega il vicino e il lontano come se potesse circolarvi realmente l’aria. L’artista usò un tratto leggero per evocare il vento tra gli alberi e uno più spesso per le rocce e le cadute d’acqua, mentre per il castello a strapiombo usò contorni netti”. Sì, la Storia dovrà essere riscritta. Perché proprio il castello, ritratto nella parte sinistra del ‘Paesaggio con fiume’, sarebbe un’altro scorcio di quella Umbria nella quale Leonardo da Vinci ebbe occasione di vivere e, in particolare, ad essere raffigurato sarebbe Papigno, che secondo gli esperti sarebbe stato tratteggiato in maniera perfettamente identica all’originale del tempo. Scoperta clamorosa Ma è chiaro che la vera scoperta clamorosa è quella relativa alla raffigurazione della Cascata delle Marmore da parte del grande artista toscano. La notizia pare destinata ad oscurare quella, annunciata da qualche tempo, sulla futura esposizione del ‘Paesaggio con fiume’ – in programma nell’estate 2019, in occasione del 500simo anniversario della morte di Leonardo – nella sua Vinci per cinque settimane. Il Comune L’assessore Emilio Giacchetti, che da mesi sta seguendo la vicenda per conto del Comune di Terni, non riesce a nascondere l’emozione: «Confesso che quando il professor Tomìo ci ha comunicato che gli studi fatti hanno confermato che in quel disegno di Leonardo era raffigurata proprio la nostra Cascata ho fatto fatica a realizzare. Poi, soprattutto grazie alle sue spiegazioni, abbiamo messo a fuoco quale possa essere, oltre alla straordinarietà della scoperta sotto il profilo artistico e storico in assoluto, l’eccezionale ritorno che questa scoperta potrebbe rappresentare per la città di Terni e per uno dei suoi simboli più conosciuti al mondo. La Cascata delle Marmore in un’opera di Leonardo da Vinci, io credo, è la rivelazione del secolo e noi siamo orgogliosi e felici che ciò possa venire alla luce». www.marmorefalls.it
    Leggi Tutto
bannerPopup

Orari Marzo

Apertura
Parco
Apertura
Acqua
Feriali 10.00 - 18.00 dalle 12.00 alle 13.00
dalle 15.00 alle 16.00
Sabato e Domenica 10.00 - 22.00 dalle 11.00 alle 13.00
dalle 15.00 alle 18.00

Scegli la tua visita guidata

Marzo 2017
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24

Scopri il parco

Belvedere Inferiore
P.le F. Fatati 6
Terni

Belvedere Superiore
Voc. Cascata 30
Terni

Tel. 0744 62982
Fax 0744 362231
actl alis sistema museo civita adb